M5S CHIAMA, CANTONE RISPONDE

“Il MoVimento 5 Stelle, per fare cosa utile per l’Autorità Nazionale Anticorruzione, ha effettuato dei controlli sui Direttivi degli Ordini Professionali appartenenti al Comitato Unitario delle Professioni. La CUP associa privatamente (?) ben 17 Ordini Professionali – sanitari e non – in qualità di Enti Pubblici non economici, soggetti al d.lgs. 39/2013 sull’inconferibilità ed incompatibilità d’incarichi presso le pubbliche amministrazioni.
Tra loro quattro parlamentari i senatori Andrea Mandelli (Fi-Pdl, 17 cariche, Presidente della Federazione degli Ordini dei Farmacisti), Luigi D’Ambrosio Lettieri (Fi-Pdl, 13 cariche, presidente Ordine dei Farmacisti della Provincia di Bari), Amedeo Bianco (Pd, 7 cariche, presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri) e Annalisa Silvestro (Pd, 3 cariche, Presidente della Federazione Nazionale Collegi Infermieri Professionali, Assistenti Sanitari e Vigilatrici d’Infanzia)

Durante l’indagine il MoVimento 5 Stelle ha scoperto ben 68 organi direttivi d’indirizzo politico professionale che ricoprono però contemporaneamente importanti ruoli in altri ambiti pubblici, per un totale di circa 450 “poltrone” occupate, con una media di circa sei cariche per ciascun professionista con punte che arrivano fino a 20, probabilmente incompatibili tra loro.

Quindi il Movimento 5 stelle ha fatto 10 domande a Raffaele Cantone, Presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione, che potete leggere QUI.

POST_ M5SCHIAMA CANTONE RISPONDE_OK

A distanza di poche ore, il dottor Cantone ha risposto ai nostri quesiti con questo documento:

“In relazione alle questioni sollevate dai Deputati del M5S, e non ritenendo opportuno entrare nel merito dei singoli casi, mi preme sottolineare che L’Autorità Nazionale Anticorruzione ha già adottato una delibera, la n°145 del 2014 consultabile all’indirizzo www.anticorruzione.it, che stabilisce, in maniera chiara, come tutti gli Ordini ed i Collegi professionali siano soggetti all’applicazione delle norme previste sia dalla legge anticorruzione (190 del 2012) che dal decreto legislativo in materia di trasasparenza (33 del 2013).

Questi enti, pertanto, dovranno predisporre il Piano triennale di prevenzione della corruzione, il Piano triennale della Trasparenza e adottare il Codice di comportamento del dipendente pubblico, nonché nominare il Responsabile della prevenzione della corruzione e adempiere agli obblighi in materia di trasparenza, attenendosi ai divieti in tema di inconferibilità e incompatibilità degli incarichi previsti dal decreto legislativo 39 del 2013.
La delibera prevede che, nei prossimi trenta giorni, l’Autorità eserciti i poteri di vigilanza sul rispetto dell’obbligo prima richiamati da parte degli in questione.”
Raffaele Cantone

Il M5S lo ringrazia sentitamente: la sua disponibilità e celerità sono solo l’ennesimo segnale della professionalità e passione che il presidente dell’Anac mette nel suo lavoro al servizio delle istituzioni. Dalle sue parole di replica emergono chiaramente due elementi, che non possono essere messi in discussione:

1) Tutti gli Ordini e Collegi professionali sono soggetti alle norme contenute sia nella legge anticorruzione (190/2012), sia nel decreto legge sulla trasparenza (33/2013).
2) In base a quanto contenuto in una recente delibera dell’ANAC, nei prossimi 30 giorni l’Autorità dovrà vigilare sul rispetto dell’obbligo, da parte di Ordini e Collegi, di predisporre il Piano triennale di prevenzione della corruzione, il

Piano triennale della trasparenza, di adottare il codice di comportamento del dipendente pubblico e di nominare il Responsabile della prevenzione della corruzione.
In sostanza, non si può sfuggire. Questi enti, nonostante i tentativi messi in campo per eludere la legge, si devono “mettere in pari”.
Ci preme di rivolgere al Dottor Cantone una precisazione. Nella lettera da noi inviata all’ANAC abbiamo fatto riferimento ad alcuni soggetti, che siedono anche in Parlamento, rispetto ai quali valutiamo esistano gli estremi dell’incompatibilità-inconferibilità di incarichi. La decisione di fare nomi e cognomi non è stata casuale, ma poggia sul principio in base al quale l’Autorità Nazionale Anticorruzione ha il compito di esprimere le proprie valutazioni anche rispetto ai singoli casi. Ci auguriamo dunque che le questioni da noi sollevate in breve tempo saranno oggetto di ulteriori approfondimenti da parte dell’ANAC. Per quanto attiene le nostre facoltà, manterremo alta l’attenzione su questi temi anche in sede parlamentare e offriamo al dottor Cantone il nostro sostegno e la nostra piena disponibilità a collaborare”.

Deputati del M5S in Commissione Affari Sociali

SFASCIAITALIA. I DENARI ALLE LOBBIES

Sfasciaitalia. I denari per allontanarsi dal crollo economico dettato dalla dittatura finanziaria internazionale ci sono e sono i nostri. Sono dentro Cassa depositi e prestiti, dove sono custoditi (si fa per dire) i risparmi postali delle cittadine e dei cittadini italiani: sono circa 235 miliardi di euro.

Sfasciaitalia. Ma ecco che arrivano #Renzie e il suo Governo che mettono la fiducia per l’ennesima volta, arraffando i risparmi degli italiani: prendono circa 20 Miliardi per “opere strategiche” come l’incenerimento dei rifiuti, la trivellazione e la ricerca di petrolio in mare e in terra, l’autostrada cispadana e la privatizzazione definitiva dell’Acqua.

Sfasciaitalia. Alla faccia dei Beni Comuni, della Collettività, dei Cittadini e degli importantissimi referendum del 12 e 13 Giugno del 2011

Sfasciaitalia. Ma se dobbiamo ridurre le emissioni di anidride carbonica, perché il decreto Sblocca Italia così com’è? Perché in quel decreto si spiana la strada ai petrolieri invece che alle rinnovabili? Perché tutt’a un tratto l’estrazione di fonti fossili diventa “attività di pubblica utilità, urgente e indifferibile” ? Perché…?

Sfasciaitalia. Ah…Forse non è la riduzione delle emissioni di anidride carbonica che interessa al Governo Renzusconi, ma l’arricchimento dei loro degni compari delle #Lobbies.

 

cdp

 

 

L’Alternativa allo Sfasciaitalia e a queste opere insensate c’è già, Si chiama: #AttiVaItalia. Più lavoro, più sostenibilità, la nostra Italia a 5 Stelle!

 

attiva italia

 

Se fossimo noi al governo sapremmo come fare e cosa fare: ridurre i rifiuti, costruire un piano nazionale di bonifica, incrementare le energie rinnovabili, rendere l’acqua definitivamente pubblica. Così vorremmo il decreto Sblocca Italia. In pratica, esattamente il contrario di quanto ha predisposto il governo.
È possibile. È tutto a portata di mano, e nelle audizioni in Commissione Ambiente ce lo hanno confermato anche esperti, associazioni di settore, imprenditori.
Sbloccare l’Italia è possibile e fondamentale. Ma certo non come vuole fare il governo, a discapito della nostra salute, dell’ambiente, dei beni comuni, riportando l’Italia al Medioevo energetico, come se tecnologia e innovazione non fossero strade percorribili.

Per la prima volta il Movimento 5 Stelle va oltre la doverosa lotta che comunque faremo in Aula e in commissione contro il decreto SfasciaItalia. E abbiamo scritto un vero decreto Sblocca Italia. Un decreto ombra, il nostro AttiVaItalia che oggi presenteremo in una conferenza stampa alla Camera.

Se governassimo noi, non nomineremmo mai Commissari per le bonifiche: gli inquinamenti industriali non sono eventi improvvisi né imprevedibili. Istituire il Commissario serve solo ad aumentare i costi della macchina dello Stato e a semplificare, sottraendolo dall’opinione pubblica, i progetti di bonifiche che con lo SfasciaItalia potranno avvalersi anche di autocertificazioni.
Controlli incrociati e dati a disposizione di tutti, questo vogliamo nel nostro decreto. E chi inquina deve necessariamente pagare.
Si dovrà provvedere a un piano di bonifica nazionale; i siti inquinati che Clini ha scaricato sulle Regioni torneranno di competenza statale, come il Tar ha da poco decretato in merito alla Valle del Sacco. I cittadini devono poter essere informati passo dopo passo di quanto accade sul loro territorio. Trasparenza dei dati e registro dei tumori obbligatorio sono previsti dal testo che abbiamo preparato.
Capitolo rifiuti: lavoreremmo per una riforma del ciclo dei rifiuti che parta dalla loro riduzione. Puntiamo sul vuoto a rendere e sul riuso degli oggetti. I comuni creeranno dei centri per il recupero. Si vuole rilanciare il lavoro? Ecco come fare, con i green jobs, la riqualificazione energetica degli edifici. La prima fonte di energia è il risparmio. Se obbligassimo a rendere le case meno passive, anche con incentivi e defiscalizzazioni, innescheremmo cicli virtuosi nell’economia. Gli interventi di tutela del territorio per proteggerli dal dissesto idrogeologico devono essere esclusi dal patto di stabilità. Introdurremmo un geobonus fiscale fino al 65% per chi effettua interventi di mitigazione del rischio.
Stop alla privatizzazione dell’acqua: non è una merce, non è un bene di pochi. Bisogna far ripartire la ricostruzione di una gestione dell’acqua, dei rifiuti, del trasporto pubblico, di quei servizi comuni, insomma, per noi fondamentali. Vogliamo introdurre Piani di gestione e tutela delle acque, a livello di distretti idrografici, tenendo in considerazione quindi il ciclo idrologico, ovvero la stretta interconnessione tra acqua, agricoltura e produzione di cibo, salute ed energia.
Il governo nello SfasciaItalia punta a rendere di interesse strategico trivelle e inceneritori? Per noi lo sono quei terreni dove ci sono coltivazioni Igp, Doc, DOCG. E lì dovranno essere vietati interventi di ricerca, prospezioni e sfruttamento di idrocarburi. Esattamente il contrario di quello che hanno immaginato e scritto Renzi & Company. Ogni miliardo investito nelle energie fossili crea 500 posti di lavoro. Gli stessi soldi investiti nelle rinnovabili ne generano 3000. Se i soldi fossero i vostri, dove li investireste, dove rendono di più o di meno? Ecco, i soldi sono proprio i vostri.
Renzi ha promesso 3,9 miliardi di euro per le opere pubbliche. Ma poco più del 2% disponibili subito. Il grosso arriverà, se lo SfasciaItalia diventerà legge, solo nel 2018. Noi vogliamo togliere linfa alle opere inutili e al cemento dannoso. Con il nostro decreto AttiVaItalia, usiamo gli stessi 4 miliardi per creare migliaia di posti di lavoro attraverso la riqualificazione energetica degli immobili, anche con agevolazioni fiscali.

Un miliardo investito genera circa 1700 posti di lavoro. Vogliamo sottrarre spese inutili alla gestione della politica. E vogliamo usare tutte le risorse dello Stato per Sbloccare davvero l’Italia, nell’interesse dei cittadini e non di un gruppetto di industriali e multinazionali straniere.

 

Siamo all’opposto dello Sfasciaitalia, scarica i documenti che seguono

 

Scarica il volantino, distribuiscilo, aiutaci a informare e a combattere!

Disegno di legge AttiVaitalia.pdf

AIFA: SE NON FA IL SUO DOVERE, A COSA SERVE?

AIFA

Vi è mai capitato di recarvi in farmacia, presentare la vostra ricetta, richiedere un farmaco e sentirvi rispondere che non è disponibile? E poi uscire, andare in una seconda farmacia chiedere lo stesso farmaco (può essere un antidepressivo, un farmaco per la cura del Parkinson o per l’ipertensione o magari un farmaco salva vita, un antiepilettico, antiasmatico, o un farmaco antitumorale) e sentirvi rispondere “li ordiniamo ma non arrivano”? Lo sapete qual’è il motivo?

Si tratta della cosiddetta esportazione parallela. Ovvero, farmaci vengono acquistati all’ingrosso in Italia e poi venduti all’estero a prezzo maggiorato dal 20 al 60%. Questa pratica è consentita dalla normativa europea sulla libera circolazione delle merci e dal fatto che le farmacie italiane, secondo una norma del 2006, possono agire da grossisti. Così, ad esempio, il Cymbalta, un antidepressivo che nelle nostre farmacie costa 24,90 euro, va a finire in Germania dove viene venduto a 87,68 euro. C’è poi anche il caso del Leukeran, antitumorale utilizzato nel trattamento di linfomi non-Hodgkin e di adenocarcinomi ovarici, prodotto da Aspen che, dopo essere stato “nascosto” lungamente al mercato italiano, viene rimesso in commercio con il prezzo potato, per singola confezione, dai precedenti 7,13 euro a 94,95.

Di fronte a queste palesi distorsioni abbiamo interrogato il ministro Lorenzin per chiederle il perché di questo aumento spropositato del prezzo del Leukeran, alla luce del fatto che l’azienda produttrice non ha dovuto fare nessun esborso aggiuntivo rispetto all’immissione in commercio, che risale al 2000, e come intenda affrontare il grave problema della carenza periodica di farmaci.

Oltre ai quesiti che abbiamo sottoposto al ministro, a monte ce n’è un altro da fare: a cosa serve l’AIFA, l’Agenzia che dovrebbe garantire l’accesso dei cittadini al farmaco, seguire l’immissione in commercio, il controllo delle officine produttive e della qualità di fabbricazione, verificarne la sicurezza, l’appropriatezza d’uso, la negoziazione del prezzo e molto altro ancora? La domanda si impone seriamente nel momento in cui continuano a ripetersi casi come quello del Leukeran, se l’Agenzia non interviene rispetto a truffe ai danni del Servizio Sanitario (come quella ipotizzata per Avastin e Lucentis), se consente l’acquisto di un farmaco antivirale come il Tamiflu, costato alle casse pubbliche 50 milioni di euro, rivelatosi poi inefficace.

L’Aifa è una realtà nella quale troppi conti non tornano e un governo che fosse davvero interessato a farla funzionare correttamente, per la tutela dei cittadini in primis, ci avrebbe già messo mano da un pezzo.

Invece, nulla. Però in compenso Lorenzin commissaria l’Istituto Superiore di Sanità, nei confronti del quale è stata adottata una procedura che non esitiamo a definire forzata e strumentale.

Noi sull’Aifa viogliamo vederci chiaro. Sono mesi che abbiamo cominciato a scavare e non ci fermeremo fino a quando la situazione non cambierà radicalmente.

LETTERA DI MAURIZIO PALLANTE A RENZI

“Illustrissimo signor presidente del Consiglio, ho letto una sintesi del discorso che ha pronunciato il 16 settembre alla Camera e per deformazione professionale sono rimasto colpito dal passaggio in cui ha parlato in termini critici della decrescita felice. So che non si rivolgeva al sottoscritto, che non conta nulla, ma allusivamente a qualcuno che ha un rilevante peso politico e a volte ha parlato di decrescita seppure episodicamente e in modo non approfondito.


Mi stupisce che Lei, così istruito e brillante, continui a confondere il concetto di decrescita col concetto di recessione. Eppure nei libri di economia è scritto chiaramente che una crisi economica come quella che stiamo vivendo da 8 anni, caratterizzata da una diminuzione generalizzata e incontrollata di tutta la produzione di  merci, si chiama recessione . Di decrescita, nei libri di economia non si parla, tutt’ al più si legge la locuzione crescita negativa, come dire, per analogia, che una persona anziana ha una gioventù negativa.

A differenza della #recessione, la #decrescita è la riduzione controllata e guidata della produzione di merci che non servono a nulla o, peggio ancora, creano danni. Per fare un esempio, nelle case italiane, che sono mal coibentate, si disperdono i due terzi dell’ energia che si utilizza per riscaldarle. Se invece di sostenere genericamente la domanda regalando dei soldi nel tentativo di rimettere in moto l’ economia, o di finanziare grandi opere che servono solo a devastare il nostro paese e a far guadagnare soldi a chi le realizza, Lei e i Suoi illustri collaboratori aveste sostenuto la ristrutturazione energetica del patrimonio edilizio esistente, non solo si sarebbe rimessa in moto la produzione e si sarebbero creati molti posti di lavoro, ma questi posti di lavoro avrebbero risanato l’ aria riducendo le emissioni di CO2 e si sarebbero pagati da sé con i risparmi economici che consentono di avere, senza accrescere il debito pubblico.

TUTTI questi vantaggi si sarebbero ottenuti, pensi un po’, con una riduzione selettiva, con una decrescita dei consumi di energia che si spreca, che non serve cioè a riscaldare le case. Potrei farle molti altri esempi di tecnologie più avanzate di quelle attualmente in uso che consentono di ottenere gli stessi risultati. Detto questo, nel momento in cui il botto della ripartenza, di cui Lei ha sproloquiato col sottotono che La contraddistingue, era quello di un tonfo e, invece della crescita strepitosa dello 0,8 per cento annunciata, il 2014 farà registrare una riduzione del -0,4 per cento (ma negli ultimi anni le previsioni si sono sempre rivelate sopravvalutate), Lei si permette di dire nel Suo discorso alla Camera che: “La decrescita è felice solo per chi non ha mai visto in faccia un cassintegrato, non ha mai visto un imprenditore andare in banca e vedersi respingere una richiesta di fido, non ha sentito lo strano odore di una fabbrica chiusa”.

Chi deve abbassare gli occhi davanti a un cassintegrato e a un imprenditore cui è stata respinta in banca una richiesta di fido è Lei, sono i Suoi illustri collaboratori e i Suoi illustri predecessori, perché sulla crescita avete fatto solo delle grandi chiacchiere – a Lei sulle chiacchiere non La batte nessuno – ma, pur avendo le leve del potere ed essendo convinti che la crescita sia la soluzione dei loro problemi, non siete stati capaci di far ripartire l’ economia.

Sono sette anni che dichiarate di vedere la luce in fondo al tunnel e quando i fatti regolarmente vi hanno smentito, avete avuto la faccia tosta di ripetere che se l’ economia non era ancora ripartita come avevate previsto, prevedevate che sarebbe comunque ripartita nei prossimi mesi. Ho preparato un elenco delle vostre chiacchiere a vuoto e se il giornale che ospita questa mia lettera aperta, mi concederà lo spazio, le richiamerò alla memoria collettiva. Mi permetta inoltre di aggiungere che strani odori non ne ho mai sentiti provenire dalle fabbriche chiuse, ma solo da alcune fabbriche aperte dove, per far crescere la produttivitànon si è avuto nessuno scrupolo a utilizzare processi produttivi che hanno avvelenato non solo l’ aria, ma anche i suoli e il ciclo dell’ acqua. Ma facevano crescere il Prodotto interno lordo, e tanto bastava.

Io credo, illustre presidente del Consiglio, che il progresso non consista nel produrre sempre di più, ma nel produrre bene, nella capacità di sviluppare tecnologie più evolute che ci consentono di accrescere l’ efficienza dei processi produttivi, cioè di ridurre progressivamente il consumo di materie prime e l’ impatto ambientale dei processi produttivi.

MENOEMEGLIO. A uno che si dichiara cattolico ed è cresciuto tra gli scout, non dovrebbe essere necessario ricordare queste semplici regole di vita.

A uno, che pur avendo avuto questa formazione, gongola perché il Prodotto interno lordo cresce se si inseriscono nel suo calcolo la prostituzione, il contrabbando e la droga, suggerisco di ricordare alle forze dell’ ordine che ogni carico di droga sequestrato comporta una decrescita selettiva ed è una stilettata al suo cuore generoso nei confronti dei cassintegrati e degli imprenditori che si vedono rifiutare un mutuo.”

Maurizio Pallante 19 Settembre 2014 (Qui)

Troverai la Pubblicazione della replica del presidente del movimento per la decrescita felice, Maurizio Pallante, al premier Matteo Renzi, pubblicata oggi da “Il fatto quotidiano” e proposta dal Sito del Movimento per la Decrescita Felice

 

UNA POLTRONA DA 7,5 MILIARDI DI EURO

“Ricordate il decreto Imu-Bankitalia di gennaio scorso che regalava 7,5 mld di euro alle banche? Come molti ricorderanno, il ministro che ha avvallato quel provvedimento era Fabrizio Saccomanni. La bontà di quel decreto legge (per i cittadini e le casse dello Stato e non per le banche ovviamente) fu subito messa in discussione da molti economisti e associazioni. Lo stesso Ministro, nell’audizione che tenne in Commissione Finanze alla Camera, non fu molto convincente nella difesa del provvedimento di fronte alle nostre osservazioni, dandoci quasi l’impressione di non conoscere a fondo il testo della legge. Tante furono le pressioni su questa norma che non fu possibile emendarla alla Camera e che vide, per la prima volta nella storia della Repubblica, l’utilizzo della ghigliottina. Ebbene, ora a distanza di qualche mese apprendiamo che l’ex ministro ha trovato una nuova sistemazione. E non una qualunque, bensì una carica istituita appositamente per lui alla Banca d’Italia. In tutto segreto, infatti, il Governatore e il Direttorio di Bankitalia a maggio hanno creato dal nulla la fondamentale figura di Direttore Generale Onorario. Una poltrona che ci è costata 7,5 miliardi di euro, che ancora non sappiamo quanto altro costerà tra stipendi, benefit, auto blu e uffici correlati e la quale utilità è ancora ignota. In una situazione in cui le famiglie fanno fatica ad arrivare alla seconda settimana del mese e le imprese sono costrette a chiudere strozzate dal fisco, abbiamo presentato un’interrogazione a risposta immediata in Commissione Finanze della Camera per capire quale sarà il prezzo per i contribuenti di questa “beatificazione” dell’ex ministro e se ciò è compatibile con i ripetuti inviti che Bankitalia, in uno con la Bce, rivolge a lavoratori, famiglie e pensionati al minimo, per l’adozione di misure di austerità, di tagli di costi e spese, di riduzione di pensioni e stato sociale. In tutto ciò Renzi tace e, per il momento, passodopopasso vanno avanti solo i soliti noti.”

 

M5S Commissione Finanze Camera