Ordini professionali e incompatibilità. L’audizione di Cantone alla Camera

Volevamo sapere se ben 4 senatori, che siedono tutti nella Commissione Sanità, possano rivestire contemporaneamente anche la carica di Presidente di ordine professionale.
I 4, nel corso di questa legislatura, hanno fatto di tutto per sfuggire alle norme sulla trasparenza e sull’anti corruzione oltre a quelle sulla incompatibilità di incarichi secondo il decreto legislativo 39/2013, tanto che nel “decreto del fare” sono riusciti a far mettere un emendamento ad castam per evitare di essere disarcionati dalle loro poltrone dorate di presidenti di ordini, almeno per il corrente mandato.

Nonostante la chiara azione di disturbo dell’on. Sisto, le risposte che ha dato il Dott. Cantone, da questo punto di vista, sono state chiare e nette: gli ordini professionali, in quanto enti pubblici non economici, devono sottostare a tutte le norme che riguardano la trasparenza e l’anti corruzione. Ma c’è di più: Cantone ha anche affermato, come già da noi più volte ribadito, che i Presidenti degli Ordini e dei Collegi professionali non solo hanno precisi poteri gestionali ma molto di più! E ciò li rende assolutamente incompatibili con il ruolo di Senatori.
Dopo queste dichiarazioni rese alla Camera da Cantone, la palla passa alla Giunta delle elezioni del Senato che non ne potrà non tenere conto.
Il Movimento 5 stelle vigilerà in maniera che al Senato non si perpetui ancora questo enorme ed ormai non più sopportabile conflitto di interessi.

Commenta

Submit a Comment