#IoNonHoPaura #NoiNonMolliamo #MafiaCapitale – CHI CONTROLLA IL TERRITORIO

La Mafia con la coppola non esiste più.
La Mafia è comunque intimidazione: ha assoluto bisogno di farsi sentire.
Sorride suadente chiedendoti il pizzo, raramente diventa violenza cieca, incontrollata.
Deve controllare il territorio, deve essere persuasiva con qualsiasi mezzo: scivola come un serpente sotto i marciapiedi di una città, di un quartiere, di una piazza e quando meno te lo aspetti, colpisce.
Preferibilmente di notte, qualche volta a caso: non è necessario che si palesi per quello che è, anzi: continuando a rimanere nel buio, paradossalmente, è più forte.
Nessuno può capire da che direzione potrà arrivare il prossimo colpo.
La Mafia sa che in questa maniera mette più paura, inquieta, controlla.
Controlla che le nuove attività imprenditoriali non vadano oltre determinati limiti, che essa sola conosce e sa come far rispettare. Ad AXA, zona Ostia, il “CiaoCore Bistrot” che ha preso fuoco la scorsa notte non è il primo locale che viene incendiato in questi ultimi tempi.
Alla domanda se qualcuno abbia chiesto il “pizzo”, la risposta è un secco e deciso “no”. Ed è allora che uno comincia a farsi tante domande alle quali non è possibile dare una risposta.
E’ questa indeterminatezza che genera il terrore:
“Se mi bruciano il locale senza aver chiesto nulla prima, cosa vorrà dire? Forse che qualcuno verrà ad offrire la sua protezione (in cambio a questo punto di un corrispettivo)? Starò antipatico a qualcuno? Il problema è che non so a chi.
Mi arrovello e non riesco a trovare un possibile nemico”.
E’ esattamente questo ciò che vuole la Mafia: la paura dell’indeterminato, far paura come un fantasma che ogni notte potrebbe ripresentarsi sotto il tuo locale e “buttare benzina e palle di carta infuocate”. Ogni volta bisognerà ricominciare da capo, sostituire tutti gli oggetti danneggiati, stare chiuso per più giorni con il terrore di non riuscire a pagare quel mutuo che faticosamente si paga tutti i mesi.
Per questo motivo noi semplici cittadini del Movimento Cinque Stelle siamo andati a trovare i tre ragazzi soci di questa microimpresa che gestiva il locale, non solo portando solidarietà, come fanno tutti,  ma impegnandoci a cominciare una raccolta fondi per ripagare i danni. Questo è l’atto politico che abbiamo compiuto: di fronte ad un nemico che vive e prospera nell’ombra, quando non nel buio, noi che siamo una Comunità invece ci mettiamo la faccia e cerchiamo di essere utili a dei concittadini in difficoltà.
Chiediamo quindi di dare una mano ai 3 giovani ragazzi del CiaoCore Bistrot, simpatizzanti da tempo del Movimento 5 Stelle di Ostia, che fanno politica attiva tutti i giorni dal banco.
Qui l’IBAN per chi volesse dargli una mano a sentirsi ancora più forti.

Ciaocore società a responsabilità limitata semplificata
IT92 Q010 0503 2700 0000 0002 709

DONA CON PAYPAL ===> LU96ZZZ0000000000000000058

 

 
Commenta

Submit a Comment