Casinò alle Feste Dell’Unità

Una volta le Feste dell’Unità si finanziavano con le salsicce. Adesso con le slot-machine.

Al posto delle patatine fritte, palline per la roulette.

Al posto dei wurstel, le fiches.

Sempre a dire che il gioco va limitato, che le associazioni hanno ragione e via prendendo in giro…

Questa è la realtà: chiacchiere e basta!!!!!

Il segretario provinciale del PD di Ravenna si è scusato: ma non se ne era accorto che la gente affollava lo stand del gioco? Pensava solo all’incasso. Pensano sempre all’incasso.

Dai due euro per votare ai 5 milioni di euro del due per mille, sottratti dalle nostre tasche.

Ma per caso vogliono risanare i debiti del loro giornale perennemente in rosso con qualche giocatina al casinò?

Il PD : un vero partito azienda che pensa solo al business e non alla salute dei cittadini, nonostante  dichiarazioni in tv e sui giornali.

E vogliamo parlare del decennale presidente dell’ARCI, il piddino toscano Paolo Beni della Commissione Affari Sociali,  la commissione che dovrebbe difendere i più deboli, i malati. Beni a parole dichiara di essere contrario alle politiche favorevoli all’azzardo ma in pratica sono tutti nello stesso business.

Ma questi sedicenti segretari e presidenti perché non si ritirano a vita privata? Perché i loro iscritti non li “ritirano” a vita privata?

E la cosa peggiore è che si pubblicizza un’ azienda del gioco  di S. Marino, staterello che notoriamente è un paradiso fiscale in cui vanno a finire i soldi riciclati in vari modi.

Uno di questi modi è la ripulitura di denaro proveniente da attività legate al gioco d’azzardo, siano esse legali, siano esse illegali.

E ci sorprendiamo se non si riesce a fare una legge seria che limiti questo fenomeno?

Quante persone si devono suicidare perché rovinate dal gioco prima che il Governo intervenga?

E non è la domanda che è difficile, è il destinatario che non risponderà…..

MAI.

Potete espellermi ma il M5S è contro il Gioco D’azzardo

Stamattina quando sono intervenuto avevo capito da subito che come al solito qualcosa non andava.
Quello che è successo dopo il  mio intervento

 Ve lo mostro qui

Diciamo no alla sanatoria a favore delle concessionarie del gioco d’azzardo e per questo la Boldrini espelle altri deputati del movimento dall’aula.
Grazie Ragazzi. L’unione fa la forza!

#Governo d’#azzardo
#M5S #NOSLOT

SLOTMOB CHIAMA PORTAVOCE M5S RISPONDONO

BARONI (M5S). SLOTMOB CHIAMA CITTADINI PORTAVOCE M5S RISPONDONO!

Uno dei problemi principali quando si parla di Azzardopatia è nell’assenza dell’informazioni.

Abbiamo una proposta di legge sulla prevenzione e cura del #GAP ferma da oltre 6 mesi, bloccata con uno stratagemma tecnico e con una giustificazione politica data dal Governo in sede di discussione sulla legge di Stabilità dal Sottosegretario del MEF con delega ai giochi Baretta (PD) che si prende tempo fino a Marzo 2015 nella Delega Fiscale in cui dare le disposizioni per la prevenzione, la cura e la riabilitazione del Gioco d’Azzardo Patologico (la DELEGA FISCALE emana disposizioni di cura???).

Come Movimento Cinque Stelle e come Cittadini Portavoce della M5S Commissione Affari Sociali, provocatoriamente, pensando, ad una soluzione etica, morale e politica, abbiamo presentato l’intera proposta come emendamento alla #leggedistabilità. Sarebbe bastato votarlo e le nostre proposte per aiutare il milione di cittadini malati azzardopatia e le loro famiglie sarebbe stata legge. Il PD, ha, ovviamente, votato contro, a dimostrazione, se ce ne fosse ancora bisogno, che gli interessi legati alle lobby del gioco d’azzardo per questa maggioranza sono più importanti di quelli dei cittadini.

Di fatto in un momento di crisi l’unica cosa che si propone sono centri slot e vlt.

Nella legge di stabilità c’è una sanatoria per 7.000 CTD (centri trasmissioni dati) e 1.500 Totem, creando, di fatto, un’altra concessione governativa. Come nei precedenti Governi (Prodi, Berlusconi, eccetera) si autorizzano nuovi luoghi dove giocare che aumenteranno di conseguenza l’#azzardopatia.

Inoltre, l’ente regolatore e l’ente controllante coincidono: Agenzia dogane e monopoli! Questa ha già dimostrato in passato di non essere all’altezza della situazione ed avere in alti ed altissimi dirigenti, il Direttore Tino e il Dottor Tagliaferri, dei soggetti infedeli allo stato, multati con milioni di euro con dolo nella vicenda dei 98 Miliardi.

A dimostrazione che questa è una palude piena di conflitti di interessi.

L’Agenzia dogane e monopoli si fa sponsor del gioco legale finanziato dai concessionari ed accede nelle scuole “educando” i bambini e i giovani.

La Consulta Nazionale Antiusura ha fatto una pubblicazione, dopo 11 anni che non pubblicava niente, dicendo che siamo, come paese, in una bolla speculativa sul gioco d’azzardo. In secondo luogo ci dice che il gioco legale è un moltiplicatore del gioco illegale, come già affermava Pisanu in Commissione Antimafia nel 2011.

Anche in inchieste, come #mafiacapitale, troviamo che i nomi coinvolti si interessano, con forti investimenti, di gioco d’azzardo

Dobbiamo continuare con il nostro #fiatosulcollo, Bisogna fermare questo mostro, questa macchina distruttrice basata sull’omologazione e l’annientamento della nostra cultura

Partecipa alla nostra proposta su LEX #proposteM5S
https://sistemaoperativom5s.beppegrillo.it/

Vedi la conferenza stampa SLOTMOB CHIAMA CITTADINI PORTAVOCE M5S RISPONDONO conMatteo Mantero – M5S, Giovanni Endrizzi – Portavoce Cinque Stelle Senato e Massimo Enrico Baroni portavoce M5S alla Camera dei Deputati

http://www.youtube.com/playlist?list=PLRahDboFjJANA1ASLKDw_XBLjT5mLi0dc

#CONFLITTODINTERESSI #ANTICORRUZIONE
#M5S #FINANZIARIABUONA #INFOMIAMOLITUTTI#SLOTMOB
#GDA

PLAYLIST SLOTMOB CHIAMA CITTADINI PORTAVOCE M5S RISPONDONO!

Con Giulia Grillo Cittadina a 5 Stelle, Giulia Di Vita – M5S, Matteo Dall’Osso, Matteo Incerti, Silvia Giordano, Andrea Cecconi, Alessio Villarosa, Laura Castelli – Cittadina in Parlamento, Sorial Girgis Giorgio,Montecitorio Cinque Stelle, Senato Cinque Stelle,MoVimento 5 Stelle Sicilia, Movimento Cinque Stelle di Roma, Movimento 5 Stelle Lazio, Alberto Airola – Movimento 5 Stelle, Alberto Zolezzi – Movimento 5 Stelle, Luigi Di Maio, Alessandro Di Battista, Carla Ruocco, Paola Taverna, Fabiana Dadone, Riccardo Nuti, Vito Crimi, Andrea Cioffi, Andrea Colletti – Deputato del M5S, Alfonso Bonafede, Michele Dell’Orco, Davide Crippa – Cinque Stelle

— conGiovanni Endrizzi – Portavoce Cinque Stelle Senato eMatteo Mantero – M5S

M5SPROPOSTE. LA VITTORIA, GLI ODG E GLI EMENDAMENTI NELLA LEGGE DI STABILITA’ DELLA M5S AFFARI SOCIALI E SANITA’

LA VITTORIA DELLA M5S AFFARI SOCIALI NELLA LEGGE DI STABILITA’ #M5SPROPOSTE

vittoria farmaco monodose

STABILITA’, #M5S: SI’ A NOSTRO EMENDAMENTO SU DOSE UNICA DEL FARMACO

Esteso a livello nazionale, deteminerà risparmio per lo Stato e più sicurezza per i pazienti

Grazie all’approvazione dell’emendamento a prima firma Giulia Grillo Cittadina a 5 Stelle, che introduce la dose unica del farmaco, su tutto il territorio nazionale verrà adottato il principio della terapia personalizzata per ogni singolo paziente. La misura non solo non comporterà oneri ma un risparmio per lo Stato, ma anzi deterinerà un risparmio”.

Lo affermiamo come cittadini portavoce del Movimento Cinque Stelle nella M5S Commissione Affari Sociali

L’introduzione della dose unica del farmaco, modalità già esistente in singole realtà ma fino ad oggi non sistematizzata a livello nazionale, determinerà l’obbligo di prevedere una terapia personalizzata per ogni singolo paziente. Tale procedura non solo determinerà un minore esborso per le casse dello Stato, dal momento che le quantità dei farmaci verranno tarate in base alle necessità individuali, ma comporterà anche una maggiore sicurezza per la salute del paziente. Questo processo, infatti, dovrà inevitabilmente avvenire attraverso un processo telematizzato di prescrizione, distribuzione e consegna del farmaco, che consentirà maggiore certezza rispetto all’idoneità del farmaco prescritto sia del dosaggio

 

GLI ORDINI DEL GIORNO APPROVATI E RIFORMULATI DELLA M5S AFFARI SOCIALI NELLA LEGGE DI STABILITA’ #M5SPROPOSTE

#propostem5s #leggestabilita #M5S

Il Governo ha preso i seguenti impegni con i Cittadini portavoce della M5S Commissione Affari Sociali

Manterranno la parola?
Voi ci credete?

1 – Massimo Enrico Baroni portavoce M5S alla Camera dei Deputati:
“Risorse economiche per le attività di prevenzione, cura e riabilitazione del Gioco d’azzardo patologico”

2 – Andrea Cecconi:“Aggiornamento del nomenclatore tariffario”

3 – Silvia Giordano: “Accesso per tutti al nuovo farmaco per l’epatite c”

4 – Giulia Di Vita – M5S: “Risorse economiche per piano nazionale sulla disabilità”

5 – Giulia Grillo Cittadina a 5 Stelle: “Riduzione auto blu dal servizio sanitario. – sprechi + risorse”

6 – Marialucia Lorefice “Cittadina a 5 Stelle” con riformulazione: “Sangue infetto indennizzi per soggetti emodanneggiati”

7 – Matteo Dall’Osso: “Risorse economiche per piano asili nido e scuole di infanzia”.

8 – Matteo Mantero – M5S: “Tassazione del gioco d’azzardo per finanziare l’aggiornamento dei lea, i livelli essenziali di assistenza”

 

GLI EMENDAMENTI DELLA M5S AFFARI SOCIALI NELLA LEGGE DI STABILITA’ #M5SPROPOSTE

baroni gda 01

Oggi il Movimento Cinque Stelle ha discusso l’emendamento (14.6) a prima firmaMatteo Mantero – M5S. Il Testo Unificato della Commissione Affari Sociali, che aveva incluso l’80% delle richieste del #M5S, è stato commissariato ancora una volta dal MALEDETTO ArtIcolo 14 della Legge di Delega Fiscale e dal Sottosegretario, ovviamente con delega ai giochi, Pier Paolo Baretta, sentinella degli affari del Partito Democratico.

L’emergenza e la diffusione del Gioco d’Azzardo Patologico sono una peste sociale e la presa in carico da parte dello Stato è urgentissima mentre il Governo manipola l’informazione con finti 50 Milioni di Euro che #Renzie toglie dal Fondo Sanitario Nazionale.

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze è il mandante di questa ignavia e di questo eccidio sociale.

Vergogna!

#M5SPROPOSTE #LEGGESTABILITA

#bocciate #gap #giocodazzardo #giocodazzardopatologico

 

DIVITA FONDI 02

STABILITA’, #M5S: CHIEDIAMO 600 MLN PER FONDO NON AUTOSUFFICIENZA E STOP A TETTO 5 PER MILLE
Aumentare di 350 milioni di euro la quota destinata al fondo per la non autosufficienza rispetto a quanto previsto nell’attuale legge di Stabilità, portandolo a 600 milioni, e destinare alle associazioni di volontariato l’intero importo proveniente dalla scelte operate dai contribuenti sul 5 per mille

Si tratta delle misure contenute in due emendamenti presentati dalla M5S Commissione Affari Sociali alla legge di Stabilità, rispettivamente a prima firma Giulia Di Vita – M5S eSilvia Giordano la cui approvazione sarebbe fondamentale per dare adeguato sostegno a moltissimi cittadini e che mettono maggioranza e governo con le spalle al muro: devono decidere se investire davvero nel sociale.

Nella Stabilità il governo prevede lo stanziamento di 250 milioni per la non autosufficienza. Si tratta di 100 milioni in meno rispetto alla precedente finanziaria, quando erano stati assegnati 275 milioni di euro, più 75 milioni aggiuntivi destinati all’assistenza familiare. L’esecutivo ha fatto sapere di voler comunque portare il fondo a 400 milioni. Vediamo se rispetteranno le promesse. Per quanto ci riguarda, la nostra linea è già definita: aumentare di 350 milioni il fondo rispetto a quanto attualmente previsto.

Relativamente al nostro emendamento sul 5 per mille invece, chiediamo di destinare alle associazioni di volontariato l’intero importo proveniente dalla scelte operate dai contribuenti, senza mettere un tetto che, secondo quanto previsto dalla Stabilità, a decorrere dal 2015 sarà posto a 500 milioni.

#M5SPROPOSTE #LEGGESTABILITA

 

DALLOSSO ASILO 03

BONUS BEBE’, #M5S: USARE I 3 MLD PER PIANO NAZIONALE ASILI NIDO
Piuttosto che assegnare il bonus bebè, una misura dal sapore elettorale e di corto respiro, proponiamo di attuare un sostegno strutturale dagli effetti positivi per famiglie e bambini in tempi medio-lunghi: nei prossimi 4 anni destiniamo gli oltre tre miliardi di euro previsti per il bonus bebè per la realizzazione di asili nido

Lo affermiamo come M5S Commissione Affari Socialicommentando il contenuto dell’emendamento alla Stabilità a prima firma Silvia Giordano

L’obiettivo è quello di colmare finalmente il gap storico di cui il nostro Paese soffre a causa dell’insufficienza di asili nido. In particolare, nel nostro emendamento specifichiamo che il piano di edilizia deve essere realizzato per fare in modo che gli asili nido siano presenti in maniera uniforme sul territorio nazionale

Il bonus bebè di Renzi invece è una misura spot che non risolve i problemi del nostro Paese in questo settore e che ha anche un’ulteriore difetto: l’assegno andrebbe a famiglie con reddito complessivo famigliare non superiore a 90 mila euro. Il nostro emendamento, invece, si rivolge indifferentemente a tutte le famiglie con bambini

#PROPOSTEM5S #LEGGESTABILITA

 

loreficie emodannegiati 04

STABILITA’, #M5S: SU EMODANNEGGIATI PD RIDICOLO, VOTA CONTRO SE STESSO

il Pd si è davvero coperto di ridicolo: in Stabilità abbiamo presentato un emendamento per gli indennizzi ai cittadini emodanneggiati, ma ce lo hanno bocciato. Ne sottoscriviamo un altro, sempre sull’argomento, del Pd, che il governo però invitava al ritiro. Il Pd vorrebbe seguire l’indicazione dell’esecutivo ma noi, avendolo sottoscritto, chiediamo di votare. Cosa succede? Che i democratici si esprimono contro il proprio emendamento

Lo abbiamo affermato come cittadini portavoce della M5S Commissione Affari Sociali

Ricordiamo che dal 2012 lo Stato ha maturato nei confronti di alcune regioni un debito di oltre 700 milioni. Non venendo erogati i finanziamenti statali, diverse Regioni hanno anticipato i pagamenti dell’indennizzo ma, in alcuni casi, come quello della Calabria, per mancanza di risorse economiche, non è stato possibile. Il rischio ora è che tali realtà potrebbero non ricevere i fondi per liquidare gli arretrati degli indennizzi.

Col nostro emendamento chiedevamo al governo di tener conto anche di queste realtà e che gli arretrati fossero assicurati alla Calabria e a quelle regioni che si trovano nella sua stessa situazione. L’emendamento viene bocciato.

Quello del Pd prevedeva l’aumento delle somme che lo Stato avrebbe dovuto erogare alle Regioni, poiché quelle previste nella legge di stabilità sono insufficienti e il rischio è che il problema relativo alla liquidazione degli indennizzi potrebbe ripetersi in futuro.

Il seguito lo abbiamo già riportato: il Pd vota contro se stesso. Adesso vadano a spiegarlo ai cittadini emodanneggiati e alle loro famiglie

Marialucia Lorefice “Cittadina a 5 Stelle”

#PROPOSTEM5S #LEGGESTABILITA

 

giordano epatite c

SALUTE, #M5S: ACCESSO PER TUTTI AL NUOVO FARMACO PER L’EPATITE C.
Ieri in Stabilità governo e maggioranza, bocciando il nostro emendamento, hanno negato ai malati di epatite C di utilizzare dei medicinali innovativi o di eccezionale rilevanza terapeutica.
Tale possibilità veniva incontro alle richieste provenienti da numerose associazioni di malati di epatite C e da altre realtà che si occupano di soggetti affetti da gravissime patologie

Lo affermiamo come cittadini portavoce del Movimento Cinque Stelle nella M5S Commissione Affari Socialidopo la bocciatura dell’emendamento a prima firma Silvia Giordano

Il diritto alla salute, sancito dalla Costituzione all’articolo 32, non può essere soggetto a variabili economiche e deve essere garantito in ogni caso

#PROPOSTEM5S #LEGGESTABILITA